Sicuramente avete sentito già parlare dell’ Usucapione anche chiamato “uso capione”.

A chi appartiene davvero?

Talvolta può accadere che per molti anni ci sia un possessore non proprietario di un bene e di conseguenza un proprietario non possessore dello stesso.

Proviamo a capire cosa significa.

il codice civile identifica come Usucapione un possesso, ossia un uso continuativo di una durata di almeno 20 anni di un bene o di un immobile. In questo caso un giudice, dopo aver accertato la situazione, può decretare un passaggio di proprietà dal proprietario al possessore in questione. Dunque il proprietario perde qualunque diritto sul suo possesso.

Uso palese del bene

E’ importante sottolineare alcune caratteristiche dell’uso del posessore. Per prima cosa deve averne fatto uso alla luce del sole senza clandestinità. Ciò significa che tutti, compreso il proprietario, devono aver avuto la possibilità di rendersi conto dell’utilizzo e del godimento del bene da parte del possessore.

Nessuna forzatura.

Non meno importante, l’uso deve essere stato fatto senza prepotenza e senza violenza. Il proprietario non deve aver fatto resistenza alcuna all’utilizzatore del suo bene o immobile. Un uso forzato ne conferirebbe una violazione e non potrebbe essere riconosciuto come usucapione.

Non deve essere un bene “in prestito”

In alcuni casi l’uso del bene è successivo ad una richiesta di custodia dello stesso e non può essere considerato un reale possesso, ma una forma di prestito che non è inclusa nelle eventualità di usucapione.

Se successivamente il possessore palesasse la volontà di “impadronirsi” del bene, la durata temporale necessaria per un usucapione comincerebbe al momento dell’accettazione da parte dell’intestatario nei confronti dell’utilizzatore.

Periodo di utilizzo continuativo

Nei vent’anni necessari per dare luogo ad un passaggio di proprietà effettivo non devono esserci pause nè ripensamenti da parte di nessuno. In caso contrario si tornerebbe ad una situazione di prestito o di semplice “detenzione” della proprietà.

Usucapione per fare chiarezza

La necessità di identificare situazioni di possesso poco chiare rende possibile un passaggio di proprietà per usucapione. Una volta che il giudice avrà accertato un passaggio di proprietrà di un immobile per usucapione, il possessore diventerà a tutti gli effetti il proprietario del bene in oggetto.

Mai lasciare nulla di irrisolto

Se avete dubbi o dovete avviare una pratica per conoscere la storia reale di un immobile potete contattare Catasto web. I nostri esperti geometri, architetti e ingegneri vi daranno tutte le indicazioni necessarie per conoscere l’effettivo proprietario di un bene immobile.

Non affidatevi all’intuito per valutare situazioni poco chiare dal punto di vista catastale, rivolgetevi a chi conosce bene la materia delicata dei passaggi di proprietà.

Chiedere un’informazione o un preventivo non costa niente!